Gruppi di droga

Elenco dei gruppi di farmaci secondo la loro classificazione anatomo-terapeutica-chimica:

TOXYLACT in altre lingue

TOXYLACT versione araba

TOXYLACT versione cinese

TOXYLACT versione tedesca

TOXYLACT versione francese

TOXYLACT VERSIONE INGLESE

TOXYLACT versione giapponese

Classificazione dei farmaci ATC

Sistema di classificazione internazionale dei medicinali

La classificazione dei farmaci ATC è utilizzata in molti paesi per etichettare e studiare i medicinali.

Ogni codice contiene 7 caratteri che denotano 5 livelli di differenziazione:

Il primo livello, il primo segno, è una lettera ortografica latina che denota l'area anatomica, l'organo malato, che viene trattato con i medicinali indicati: questo è il gruppo anatomico principale.

Il secondo livello, il secondo e il terzo segno, sono i numeri arabi, il principale gruppo terapeutico.

Il terzo livello, il quarto carattere, è anche una lettera di ortografia latina: il sottogruppo terapeutico.

Il quarto livello, il quinto segno, indica il gruppo chimico del medicinale.

I caratteri di livello 5, sesto e settimo sono ancora numeri arabi che denotano il nome del principio attivo del medicinale o della combinazione di medicinali.

Rischio tossicologico durante la gravidanza

Usiamo la nota classificazione FDA


Rischio tossicologico durante l'allattamento

Categoria di allattamento tossicologica I - il farmaco e/oi suoi metaboliti non vengono eliminati attraverso il latte materno o non sono tossici per il neonato e non possono portare allo sviluppo di reazioni tossiche assolutamente assenti ed effetti avversi per la salute a breve e lungo termine. L'allattamento al seno non deve essere interrotto sullo sfondo dell'assunzione del farmaco, che rientra in questa categoria tossicologica dell'allattamento.

Categoria di allattamento tossicologica II - il farmaco e i suoi metaboliti vengono eliminati attraverso il latte materno, ma il rapporto plasma: latte è molto basso e/o la quantità rilasciata non può generare reazioni tossiche nel neonato per vari motivi, inclusa la degradazione del farmaco nel piscina acida dello stomaco il neonato. L'allattamento al seno non deve essere interrotto durante l'assunzione del medicinale.

Categoria di allattamento tossicologica III - il farmaco e/oi suoi metaboliti generano concentrazioni plasmatiche pari o superiori nel latte materno e pertanto è prevedibile lo sviluppo di reazioni tossiche nel neonato. L'allattamento al seno deve essere interrotto per il periodo corrispondente alla completa eliminazione del farmaco o dei suoi metaboliti dal plasma materno.

Categoria di allattamento tossicologica IV - il farmaco e/o i suoi metaboliti generano un rapporto plasma: latte di 1:1 o superiore e/o hanno un profilo altamente tossico sia per la madre che per il neonato, pertanto il loro uso è incompatibile con l'allattamento al seno e deve essere interrotto completamente , non solo per la durata del farmaco, o cercare un'alternativa terapeutica meno tossica.